Un romanzo storico e le eccellenze abruzzesi al Westchester Italian Cultural Center di New York

Westchester Italian cultural Center di New York

Sono iniziate lo scorso 8 ottobre e si concluderanno il 20 novembre prossimo, le giornate culturali dedicate alla storia abruzzese e molisana al Westchester Italian cultural Center di New York, diretto da Francis Nicolai con la collaborazione di Patrizia Calce . Il progetto che vede le due regioni protagoniste di una vera e propria esposizione a tutto tondo di ogni eccellenza abruzzese e molisana, prende il nome di Abruzzo & Molise Yesterday and Today.

Il prossimo 12 novembre Il WICCNY ospiterà la presentazione del romanzo di Nicola Mastronardi, “Viteliù- il nome della libertà” pubblicato da Itaca Edizioni. Quello di Mastronardi è una sorta di viaggio a ritroso nel tempo tra le popolazioni che anticamente abitavano l’Abruzzo e il Molise e che diedero filo da torcere ai romani ai tempi della tarda repubblica durante le guerre sociali.

L’esordio letterario di Mastronardi prende il nome dall’antica parola VITELIU’, termine della lingua osca parlata appunto dagli Osci uno dei tanti popoli italici che abitavano la penisola italiana insieme ai Sanniti, ai Peligni, ai Vestini, ai Marsi, ai Pretuzi, ai Frentani e altri, popoli che unirono le loro forze per non sottostare alle imposizioni romane, pur non riuscendo in questo coraggioso tentativo.

Il romanzo di Mastronardi, studioso di storia antica e responsabile della Biblioteca di Agnone, in provincia di Isernia rivela una pagina importantissima dell’antica storia abruzzese e molisana e va ad arricchire il già denso programma di promozione culturale delle due regioni dell’Italia centro-meridionale.

Prima della presentazione del romanzo il Westchester Italian Cultural Center ospiterà un interessante Show Cooking sulla ricetta dei tradizionali “maccheroni alla chitarra” abruzzesi, preparati dall’azienda “La Rustichella d’Abruzzo” e accompagnati dai vini dell’azienda vinicola Dora Sarchese.

viteliù

Share onShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest