I VIGNAIOLI: «Da dodici anni insieme per il nostro Abruzzo»

Sono 8 i produttori abruzzesi che nel 2005 si sono uniti in un Consorzio con l’obiettivo di promuovere il vino di qualità in giro  per il mondo.

Vignaioli in AbruzzoRaccontare un territorio, narrare una regione,  rappresentare le singole provincie: con questo  spirito 8 produttori abruzzesi con le loro rispettive aziende, a novembre 2003 hanno dato vita all’associazione “Vignaioli in Abruzzo”, divenuta poi nel  2005 un consorzio. Da allora, insieme realizzano un percorso conoscitivo che porta alla scoperta di micro aree,  che formano una regione; singole unicità che rendono ogni  bottiglia singolare e speciale. In questo modo ci fanno conoscere una macro terra: la regione Abruzzo.

Il consorzio ha come mission quella di rendere le diversità  territoriali ricchezza unica da promuovere, e attraverso il  continuo confronto e la costante trasformazione, raggiungere traguardi fatti di sfide che i Vignaioli d’Abruzzo sono  sempre pronti a raccogliere e a vincere. I vignaioli condividono idee chiare e ambizioni importanti che raccolgono realtà diverse, vitigni e microclimi differenti appartenenti alle quattro province abruzzesi, ma con  un unico obiettivo: promuovere il vino abruzzese di qualità in Italia e nel Mondo.

Dallo scorso luglio alla guida del consorzio c’è  Stefania Bosco  che ha preso il posto di Enrico Marramiero.

«Il  lavoro propositivo –ci dice la neo presidente Bosco- del  Consorzio, passa attraverso un’interfaccia relazionale  continua tra tutti i soci, momenti di incontro periodici  che hanno il compito di raccogliere e coordinare le idee  e soprattutto di risolvere le criticità che ci accomunano, solo in questo modo siamo in grado di raggiungere gli obiettivi prefissati».

Tra le attività principali del Consorzio ci sono l’organizzazione di iniziative promozionali e la partecipazione  diretta ad eventi e fiere sia in Italia che all’estero. Il  Consorzio si occupa anche dell’attività di promozione attraverso la realizzazione di strumenti di comunicazione  e attività di media e public relations. Inoltre, offre un  servizio di assistenza tecnica alle 8 associate, relativa  agli aspetti burocratici e progettuali, ma anche organizzando incontri tecnici formativi.

Stefania BoscoStefania come nascono i Vignaioli d’Abruzzo?
«L’associazione nasce nel 2003  per unire le forze tra noi produttori e  promuovere al meglio il vino abruzzese nel mondo. All’inizio ci siamo uniti  come associazione per scambiarci  idee, confrontarci sul nostro lavoro e  sopratutto per affrontare insieme le  problematiche di questo settore. Poi  per poter accedere ai bandi e usufruire dei fondi europei per le nostre attività di promozione abbiamo deciso di  trasformarci in Consorzio nel 2005».

Quali iniziative avete intrapreso  in questi anni?
«Beh diverse. La più importante è stata sicuramente la missione  in Brasile. In un momento in cui  tutti puntavano sul mercato cinese, decidemmo di spostare l’attività  promozionale in Brasile organizzando  una settimana dedicata ad incontri  tra importatori, distributori e agenti  implicati nell’ambito di un progetto di  importazione sviluppato con il finanziamento parziale della comunità europea. E ancora abbiamo organizzato  diverse degustazioni con l’Ais Roma,  con l’Onav, abbiamo partecipato a  diversi eventi tra cui il Trofeo Vignaioli presso il Golf Club di Santi (AQ),  che a giugno prossimo raggiungerà  la sua 8^ edizione, oltre a convegni e  ovviamente il Vinitaly».

A suo avviso che momento vive  oggi il vino? 
Le potenzialità del mercato  mondiale sono evidenti, oggi il vino  italiano viene apprezzato anche per  le sue caratteristiche organolettiche  e culturali. La forza dell’Abruzzo e  dell’Italia in generale è la biodiversità. Noi possediamo un patrimonio  enogastronomico immenso, il consorzio stesso racchiude un insieme di  realtà diverse, ma abbiamo ancora il  problema di raccontarlo e promuoverlo  oltre i confini italiani, ecco perché  8 produttori hanno deciso di unirsi.  Insieme si è più forti»!

In che modo pianificate i vostri  progetti? 
«Il lavoro propositivo del consorzio passa attraverso un’interfaccia  relazionale continua tra tutti i soci  con momenti di incontri periodici,  che hanno il compito di raccogliere e  coordinare le idee e soprattutto spingere al confronto i vari produttori.  Da questi scambi ad esempio è nata  la proposta di incentrare l’attività  promozionale in Brasile. Un altro  elemento importante che ci accomuna  è sicuramente la passione per l’associazionismo. Tutti noi infatti facciamo  parte anche di altre associazioni,  segno che crediamo realmente nella forza dell’aggregazione».

Lei è diventata presidente da circa 1 anno, quali novità ha apportato? 
«Il mio predecessore Enrico Marramiero ha svolto un ottimo lavoro.  Io in questi mesi mi sono concentrata  molto sull’aspetto comunicativo del  consorzio. Ho fatto un restalyng del  sito, ho aperto la nostra pagina sui  social e sto cercando di dare maggiore  visibilità al nostro brand. Ci tengo a  dire che i vignaioli sono innanzitutto  un gruppo di amici che condividono  un obiettivo professionale comune  e credono fortemente in quello che  fanno».

Progetti futuri?
«Sicuramente rafforzare la mission  del nostro consorzio promuovendo in  giro le ricchezze del nostro territorio.  Dopo il Vinitaly e Expò abbiamo messo in campo diversi progetti.  Sicuramente a  settembre organizzeremo un evento  abbinando vino e musica.

E insomma, è proprio il caso di dirlo, i Vignaioli d’Abruzzo sono il tipico esempio di quando “l’unione fa la forza”.

Vignaioli in Abruzzo - Mappa delle Cantine

I VIGNAIOLI IN ABRUZZO
Presidente CdA Stefania Bosco – Azienda Vinicola Bosco Nestore
Vice Presidente CdA Marcello Zaccagnini – Azienda Agricola Ciccio Zaccagnini
Consigliere Enrico Marramiero – Azienda Marramiero
Consigliere Rocco Pasetti – Azienda Agricola Contesa
Consigliere Gianluca Galasso – Azienda San Lorenzo Vini
Consigliere Nicola D’Auria – Azienda Dora Sarchese
Consigliere Valentina Di Camillo – Azienda Vinicola Tenuta I Fauri
Consigliere Federico De Cerchio – Azienda Vinicola Torre Zambra

Share onShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest