Sradicamento di Maria D’Alessandro

La poesia Sradicamento di Maria D’Alessandro fa parte della mostra all’Aurum di Pescara

 Maria D'Alessandro all'Aurum di PescaraE stata inaugurata lunedì e durerà fino al 28 maggio la mostra fotografica “Ritratti poetici in controtempo”, allestita negli spazi dell’ex-AURUM, in cui gli scatti di Ginevra Di Matteo interagiscono con le installazioni del regista teatrale Sabatino Ciocca e del videomaker Loris Ricci, sotto la curatela di Massimo Pamio. L’esposizione è ispirata alla figura importante del poeta e saggista Marco Tornar, morto l’8 febbraio scorso all’età di 54 anni, di importanza  nazionale, come dice Massimo Pamio.Tra i volti Maria D’Alessandro che si fa sentire quando scrive che è poesia:

POESIA È UN DONO AFFIANCATO AI SENTIMENTI CARICHI DI ESTRANEITÀ.

Sradicamento 

Sei venuta dal mare e dalla montagna
da un paesaggio di ghiaia e colline
per camminare in situazioni assai difficili.

Sei arrivata alla desolata pianura
al nuovo continente di terre da esplorare.

Ma tu vivi con uno sguardo di amara nostalgia,
qua e là, là e qui
per i sentimenti degli immigrati tagliati in due,
che ostinatamente vorresti tingere in giorni luminosi.

Maria D’Alessandro: nata a San Vito Chietino e immigrata all’Argentina da dove gestisce il sito www.facebook.com/foroinmigracionabruzzesa dedicato a mantenere e diffondere la nostra cultura. Chi sempre che può ritorna al paese.

 

Share onShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest