Abruzzo a tavola – Provati per voi

La prima offerta vegano-crudista d’Abruzzo

Guida all'alimentazione vegana

Proporre  questo tipo di cucina così particolare nella patria degli arrosticini era davvero una scommessa. Ci hanno provato a Francavilla al Mare e noi abbiamo voluto testarla per voi.

Cavolfiore al curry

Cavolfiore al curry

Diciamo prima di che tipo di cucina si tratta. “Il crudismo vegano o crudiveganismo è un regime alimentare e stile di vita che prevede di cibarsi per la maggior parte di vegetali crudi, dove per crudi si intende che non siano stati sottoposti ad un  riscaldamento oltre i 42°C. Chi segue quest’alimentazione tende ad evitare o a limitarsi nel consumo di cibo sottoposto ai classici sistemi di cottura. ” (Wikipedia)

Torniamo quindi a noi. Il menù offriva due tipi di antipasti, entrambi piatti molto “colorati”:

  • Cavolfiore al curry
  • Nuvolette di finocchi al kiwi

Le Nuvolette sono un piatto molto fresco e “propedeutico” al prosieguo della cena. VOTO: 7 e ½.
Quello che ci ha maggiormente impressionato sono stati i cavolfiori ancora croccanti resi commestibili dalla macerazione nel limone e impreziositi dal sapore delicato del curry. VOTO: 8 e 1/2

Paglia e fieno al pesto

Paglia e fieno al pesto

Passiamo ai primi piatti (quello che più ci incuriosiva):

  • paglia e fieno al pesto
  • spaghetti alla carbonara degli Dei

Da profani della cucina crudista, ci sembrava inconcepibile pensare di poter mangiare qualcosa di simile alla nostra pasta senza farla passare dalla bollitura (come abbiamo visto tassativamente bandita). E pensare quanto siamo amanti della pasta al dente!

Bene, gli “spaghetti” fatti con i cetrioli fanno effettivamente pensare alla carbonara (a parere di chi scrive uno dei migliori piatti di “vera” pasta della tradizione italiana). VOTO: 8

Polpettine alla minnie

Polpettine alla minnie

La vera sorpresa però ce l’abbiamo con la paglia e fieno crudista, generata da un sapiente mix di “pasta” fatta con zucchine e carote, in un pesto di prim’ordine. Bellissima la sensazione che si ha nell’avvolgere con la forchetta questo particolare “spaghetto” così come facciamo da sempre. VOTO: 10

Adesso i secondi:

  • Polpettine Minnie variopinte
  • Sushi di verdure guarnito con frutti esotici

Le polpettine hanno un aspetto allegro e si differenziano dai differenti semi che le circondano, come il sesamo e il papavero o come il cocco. Il tutto conditoda una salsa piccante senz’altro appropriata. VOTO: 7

Sushi di verdure

Sushi di verdure


Il Sushi è il piatto forse più difficile da decifrare. Una foglia di alga Nori avvolge un impasto vegetale (ma guarda un po’) guarnito da una purea di frutta. VOTO: 8

Per finire un bel gelato di cioccolata e panna. Ma come? Il gelato non si fa con le uova (bandite dalla cucina crudista). E come facciamo con la panna fatta conil latte?
Incredibilmente il gusto al cioccolato (di soia) non ha nulla da invidiare alla ricca tradizione a cui siamo abituati e la panna vegetale non ha nulla a che vedere con quella di marche (anche famose) che personalmente lascerei sugli scaffali del supermercato. VOTO:  9 e ½

Conclusioni: Una “deviazione” dalla routine che vale la pena di essere affrontata. E che merita tutto il rispetto che si deve per una cucina senz’altro accurata e bisognosa di molte ore di lavoro. Certo non un fast food.

Provato per voi presso: Ristorante ACQUARIUS – Francavilla Mare

Share onShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest